Winfred Gaul a Milano

 
In via Nerino la Fondazione dedica una personale a uno dei maggiori pittori tedeschi. Dai “Segnali” alle “Markierungen”, alle origini della Pittura analitica
 

[nell’immagine: Senza titolo, 1971, acrilico su tela, 50 x 50 cm]

 

La Fondazione Zappettini dedica la prossima personale a uno dei fondatori negli anni Settanta della Pittura analitica. Winfred GAUL, protagonista di mezzo secolo di pittura in Germania, sarà ricordato nella mostra che si inaugura nella sede milanese giovedì 3 maggio 2012 (ore 17.30).
 
Visitabile fino al 29 giugno, l’esposizione propone una selezione di lavori già presenti in mostre dell’epoca e provenienti da varie collezioni italiane. In primo piano saranno le celebri “Markierungen”, le minimali tracciature che il Maestro di Düsseldorf realizzò come passo decisivo verso il “grado zero” del linguaggio pittorico.
 
«La biografia di GAUL parla da sé – commenta Riccardo ZELATORE, Direttore della Fondazione – con le decine di personali e collettive in Germania, Italia e altri Paesi europei che fino alla sua scomparsa gli sono state dedicate. È un caposaldo dell’arte tedesca, ma fu anche un intenditore e appassionato della pittura italiana. Forse, anche se tardi, è venuto il momento di riconoscere il suo ruolo fondamentale per la rinascita di questa disciplina in tutto il continente».
 
La mostra è curata da Alberto RIGONI ed è accompagnata da un catalogo a colori con una lettera dell’epoca di Winfred GAUL a Gianfranco ZAPPETTINI.

 

 

Torna indietro

 corso Buenos Aires, 22 - 16043 Chiavari - tel./fax +39 0185 324524 - info@fondazionezappettini.org

P.IVA 01421400993